ECCELLENZA ITALIA


Forse non tutti sanno che anche in tempi di crisi, il Bel Paese ha tenuto.


L’Italia e una delle poche nazioni che puo vantare un surplus commerciale manifatturiero
con l’estero, grazie soprattutto all’elevata specializzazione dei distretti industriali, dove emergono con piu facilità il legame con la italianità e il territorio, la voglia d’internazionalizzazione, la capacità di cogliere i flussi di domanda provenienti dal Nuovo Mondo.

L’Italia ha un valore nascosto. Occorre farlo emergere, scrollandosi di dosso quel complesso che gli osservatori chiamano provincialismo culturale, principale responsabile della mancata crescita d’imprese di piccole dimensioni, non in grado di generare economie di scala e di farsi strada sui mercati esteri o di implementare nuovi modelli organizzativi e tecnologici


Siamo il quinto Paese più visitato al mondo eppure il settore turismo e tempo libero di Borsa Italiana (FTSE) conta solo sei aziende quotate.
In Inghilterra, l’equivalente listino presenta oltre 100 società quotate in settori quali l’alberghiero, il food, il retail. E ad Abu Dhabi, nel nuovo
avveniristico distretto culturale, e il museo del Louvre, che apre una sede espositiva, grazie a un accordo trentennale tra la municipalità locale e il governo francese.


Il nuovo Fattore Italia non vive di rendite di posizione fondate sull’eccellenza passata, ma sul dinamismo e sull’interesse generato
dalla produzione attuale.